Tutti gli articoli di catap

Seminario ISPRA-CATAP- Roma 28.11.19 “Dall’ingegneria naturalistica alle infrastrutture verdi”

Seminario ISPRA   –   CATAP

Dall’Ingegneria naturalistica alle Infrastrutture verdi: un capitolo rilevante nella sfida del Green New Deal

28 novembre 2019

ISPRA – via V. Brancati 60, Roma – Sala Consiglio SNPA, VII piano

Per questioni organizzative, visto la limitata disponibilità dei posti, si prega di comunicare la propria partecipazione iscrivendosi nell’apposito form che sarà messo a disposizione sul sito di ISPRA dal 28.10.19.  

Programma preliminare

10.30:   Saluti ed apertura dei lavori (ISPRA, CATAP)

10.30 – 10.45: Ricordo di Giuliano Sauli

10.45 – 13.00:  Interventi programmati ISPRA e CATAP

13.00 – 14.00: pausa pranzo

14.00 –  15.30: Interventi programmati ISPRA e CATAP

15.30 – 16.30: Discussione e conclusione dei lavori

Sono previsti interventi e contributi di:

Sergio Malcevschi (CATAP), Maria Belvisi (AAA), Luca Bisogni (AAA), Federico Boccalaro (ArcheoClub), Gabriele Bollini (AAA), Silvia Brini (ISPRA), Paolo Cornelini (AIPIN), Serena D’Ambrogi (ISPRA), Mirella Di Giovine (CATAP), Gioia Gibelli (SIEP), Giuseppe Gisotti (SIGEA), Matteo Guccione (ISPRA), Federico Preti (AIPIN), Riccardo Santolini  (SIEP), Maria Cristina Tullio (AIAPP).

Perchè il Seminario

Il tema della rinaturazione multifunzionale, sotto il profilo tecnico ed amministrativo, nel corso degli ultimi 30 anni è già stato affrontato secondo ottiche differenti e complementari che hanno visto coinvolti sia lSPRA sia CATAP, anche con iniziative comuni quali la serie di “Linee Guida dell’Ambiente e Paesaggio nei settori infrastrutturali” pubblicate nel corso degli anni 2010-2015. Nel campo si sono affiancate negli anni ottiche tra loro vicine quali quelle dell’Ingegneria naturalistica, dell’Architettura e dell’Ecologia del Paesaggio, delle Reti ecologiche, delle Forestazioni urbane, fino a quelle più recenti, usate anche in ambito europeo, che si richiamano alle Infrastrutture verdi e (più in generale) alle Nature Based Solutions.

E’ da rilevare che il campo in oggetto, collegato attraverso le ottiche sopra richiamate alla filiera decisionale (politiche-pianificazione-programmazione), realizzativa (progettazione-esecuzione) e gestionale, entra a pieno titolo nella Green Economy (attraverso i temi della resilienza, dell’adattamento, della rigenerazione urbana che la alimentano), collegandosi quindi agli obiettivi di Sviluppo Sostenibile che costituiscono uno dei capisaldi delle attività previste dal nuovo Governo. Nello stesso tempo l’intreccio dei termini usati, delle basi disciplinari coinvolte, dei riferimenti normativi già esistenti non sempre allineati o chiari nelle loro relazioni, generano in alcuni casi sovrapposizioni e confusioni, e non sempre sono visti nel loro quadro complessivo e complementare.

Il seminario vuole fornire un contributo al riguardo, attraverso un confronto sulle esigenze e possibilità di riordino della terminologia e dei riferimenti applicativi (azioni, norme, linee guida) del settore, anche attraverso il richiamo della storia in materia negli ultimi decenni.  Il Seminario sarà anche l’occasione per ricordare ed onorare la memoria del dr. Giuliano Sauli, recentemente scomparso, che è stato il principale riferimento per quanto riguarda l’ingegneria naturalistica in Italia e promotore della fondazione del CATAP e delle Linee Guida portate avanti congiuntamente con ISPRA.

 

Una questione di competenze

Tema : PARLIAMO DI COMPETENZE E DI QUALITÀ

Proposta per un prossimo convegno CATAP 

Il panorama attuale mostra una caduta libera del valore attribuito alle competenze professionali e alla qualità complessiva di progetti, interventi e loro componenti.

Ciò ha conseguenze pessime sulla efficacia e sostenibilità nelle sue 3 declinazioni (ambientale, economica, socio-culturale) delle opere che si realizzano.

Riteniamo urgente riattualizzare il tema delle competenze tecnico- scientifiche delle professioni e degli operatori, aspetto che ha reso l’Italia all’avanguardia nel mondo per circa un secolo, a partire dalla fine del XIX secolo.

La sapienza di prima ha prodotto opere e interventi durevoli, intelligenti, economicamente vantaggiose nel tempo.

La speciale peculiarità dei paesaggi italiani che si stanno perdendo, l’attuale situazione di alta vulnerabilità dei territori e dei paesaggi stessi, e la necessità di trovare misure di adattamento efficaci, richiedono un rinascimento delle competenze necessarie ad affrontare adeguatamente tali problematiche.

Catap invita le associazioni professionali, i ministeri, le regioni, le università, le associazioni di categoria a discutere operativamente e costruttivamente sul tema delle competenze e della qualità.

Invitati:

MIBAC,  MATM,  MIPAFF/CREA,  MIT, MIUR, UNISCAPE, AMM.NI REGIONALI VARIE,  ANCI, ANCE, ASSIMPREDIL, ASSOVERDE, ASSOFLORA, CIA, COLDIRETTI, EFIB